Antibiotici naturali: quali sono, a cosa servono e come si utilizzano

Pubblicato: 31-12-2013 : 437

E se gli antibiotici efficaci contro i malanni stagionali, infallibili alleati per contrastare piccoli e grandi disturbi, dalla tosse al mal di gola fino ai problemi gastrointestinali, fossero naturali al 100%? La natura offre alcuni insospettabili toccasana, come l’aglio, il miele o la liquirizia, che oltre a essere ottimi ingredienti in cucina hanno efficaci proprietà immunostimolanti e antibiotiche. Eccoquali sonoa cosa servono e come si utilizzano.

L’acacia è una pianta in grado di contrastare i batteri, i microbi e i funghi dalle proprietà anticatarrali, sedative e antinfiammatorie; è indicata per contrastare le ulcere dell’apparato gastrointestinale, le congiuntiviti, la diarrea e le infezioni gengivali, ma anche in caso di ferite infette.

L’aglio, utile contro i batteri, i virus, i parassiti e i funghi, è un immunostimolante, un toccasana per rafforzare le difese naturali dell’organismo, un ipotensivo, capace, cioè, di abbassare la pressione sanguigna, un antispastico, alleviando o prevenendo gli spasmi muscolari, e antisettico, eliminando i germi e contrastando le infezioni. Ideale anche per combattere le infezioni gastrointestinali, delle prime vie aeree e quelle superficiali della pelle. Tra gli effetti collaterali, legati a un utilizzo eccessivo, sono nausea e vomito.

L’aloe, perfetta per combattere l’azione di batteri, microbi e virus, è indicata per facilitare la guarigione e scongiurare possibili infezioni in caso di piaghe e ustioni, grazie alle sue proprietà cicatrizzanti e antinfiammatorie.

L’assenzio è una pianta utile per combattere infezioni da batteri, vermi e funghi, dall’azione immunomodulatrice, antinfiammatoria e antipiretica. Indicato anche durante le fasi acute delle infezioni del cavo orale, a scopo lenitivo e antidolorifico, l’assenzio viene sfruttato in tutte le sue parti, sottoforma di tisana, capsule, suffumigi o capsule.

Una vera alleata contro virus e batteri, in grado di stimolare le difese naturali e di esercitare un’azione antinfiammatoria, l’echinacea è l’ideale in caso di sintomi pre-influenzali. Grazie anche alle sue proprietà antinfiammatorie e cicatrizzanti, è adatta per curare leferite esterne, i morsi o le punture di animali. Per evitare il rischio di dolori articolari, però, ne è raccomandato un uso limitato.

La liquirizia può vantare proprietà antiossidanti, rilassanti, antispastiche, antistress, antiulcera, antinfiammatorie, espettoranti e antiperglicemica, complice la sua capacità di mantenere bassi i livelli di zuccheri nel sangue.

Dalla spiccata azione battericida, la propoli è un antibiotico naturale in grado di agire contro 28 ceppi batterici, che svolge, allo stesso tempo, anche un’azione antivirale. Perfetta per la disinfezione del cavo orale, può essere utile anche contro funghi edeczemi, ma anche per trattare screpolature, geloni e ferite.

 

[pourfemme.it]


Leggi le altre notizie

<< Carote: proprietà nutrizionali, benefiche e calorie

>> 8 cibi portafortuna da mangiare a Capodanno



Stampa/Esporta/Condividi
  
chiudi [x]