Mirtilli: proprietà curative, benefiche, nutrizionali e controindicazioni

Pubblicato: 26-06-2014 : 414

mirtilli hanno delle proprietà curativebenefiche e nutrizionali da non sottovalutare. Hanno anche delle controindicazioni, di cui bisogna tener conto, ma costituiscono veramente un toccasana per la circolazione e per l’intero apparato cardiocircolatorio. Sono capaci di proteggere la vista, rappresentano un ottimo rimedio per combattere la diarrea e, al contrario, anche la stitichezza. Tendono ad abbassare la glicemia, sono utili nel trattamento delle allergiee possono svolgere un’azione di prevenzione contro l’insorgenza dei tumori. Vediamo insieme tutti i benefici di questi frutti di bosco.

Le proprietà curative e benefiche

Le proprietà curative e benefiche dei mirtilli si possono riscontrare in tutte quelle ricette che sono preparate a base di ribes nigrum (nome scientifico), sotto forma di marmellata o di mirtilli sciroppati. Essi hanno degli effetti importanti per quanto riguarda il miglioramento della circolazione, soprattutto quando il problema è costituito dalle vene e dai capillari, che determinano gonfiore alle gambe o sensazione di pesantezza.

Tutto merito degli antociani contenuti nei mirtilli, che agiscono contro la vasodilatazione e contro il conglomerarsi delle piastrine. Sono proprio queste sostanze che aiutano a tenere sotto controllo lapressione e a proteggere per intero l’apparato cardiovascolare.

In particolare i mirtilli riescono anche ad abbassare i trigliceridi, grazie alla presenza di pterostilbene, un antiossidante. Sia quelli neri che quelli rossi hanno delle proprietà antinfiammatorie che aiutano in caso di dissenteria o di stitichezza, in quanto il prodotto fresco risulta essere anche un lassativo.

Sono capaci di proteggere la vista e di svolgere un’azione di contrasto nei confronti dell’anemia, perché sono ricchi di ferro. Abbassano la glicemia e possono essere utilizzati per il trattamento delle allergie, in quanto hanno un’azione molto simile a quella svolta dai cortisonici.

Rappresentano un ottimo aiuto per la memoria e possono aiutare a combattere gli stati influenzali, oltre che a prevenire il raffreddore. Il mirtillo rosso, nello specifico, è un vero e proprio antibiotico naturale, che agisce con un’azione disinfettante delle vie urinarie, ecco perché può essere utilizzato nei problemi di cistite. Il succo di mirtilli è ottimo per la dieta, perché aiuta a dimagrire.

Essendo ricchi di antiossidanti, i mirtilli svolgono un’importante azione di prevenzione nei confronti delle malattie tumorali. In particolare questo beneficio è dovuto alla quercetina. I mirtilli possono essere d’aiuto anche per la pelle, perché ne rallentano l’invecchiamento e sono consigliati a chi ha problemi di acne. La vitamina A, infatti, rinforza i tessuti e regolarizza la produzione di sebo; lavitamina E favorisce la rigenerazione della cute.

Le proprietà nutrizionali

Parlando delle proprietà nutrizionali dei mirtilli, si deve tenere conto che essi sono caratterizzati da poche calorie, circa 57 Kcal per ogni 100 grammi di prodotto. Sono abbondanti di vitamine, disali minerali e di sostanze benefiche, come, per esempio, i polifenoli e gli acidi organici. Davvero interessante è il contenuto di vitamina C e di antiossidanti.

Fra i sali minerali che abbondano ci sono il potassio e il fosforo. Molto alto è il contenuto di fibre. I mirtilli possono essere utilizzati in ambito alimentare in molte forme. Non bisogna pensare soltanto all’assunzione del prodotto fresco, ma anche al succo, che può essere mescolato anche al tè e agli infusi. Esistono anche degli integratori a base di mirtilli, che si basano sugli estratti del frutto.

Le controindicazioni

Prendendo in considerazione le controindicazioni dei mirtilli, bisognerebbe sempre verificare che il nostro organismo riesca a tollerare l’assunzione regolare di questi frutti. A volte si possono riscontrare alcuni disturbi, come il mal di testa, la nausea e il mal di stomaco. Per evitare questi rischi, bisogna mangiarli gradualmente e tendere ad eliminarne il consumo, se si dovessero presentare questi effetti collaterali.

In gravidanza, in particolare, si dovrebbe consultare il medico, prima di introdurre i mirtilli nella dieta e lo stesso discorso vale per i bambini. L’estratto secco di mirtillo nero ha un’azione diuretica e può favorire la formazione di calcoli renali. In ogni caso questo prodotto non dovrebbe essere consumato da chi segue una terapia per tenere sotto controllo il diabete, perché ha un’azione ipoglicemizzante.


Leggi le altre notizie

<< Coliche renali: sintomi, rimedi e cosa mangiare

>> Centrifugati di frutta e verdura:



Stampa/Esporta/Condividi
  
chiudi [x]