Ricette

Muffin al mandarino e mandorle     Vegano

Pubblicato: 18-11-2014 : 816 da: Dietetika  Difficoltà:


Lista Ingredienti per 10 porzioni

250 gr farina di farro bio, semintegrale Farro
100 gr di mandorle in polvere Farina di Mandorle
150 ml di succo di clementine bio (circa 5pz) SUCCO DI MANDARINO, FRESCO
75 ml OLIO DI SEMI DI GIRASOLE
100 ml LATTE DI MANDORLE
100 ml di malto di riso Latte di riso Fatto in Casa
30 gr (1 limone) LIMONE, SCORZA
300 gr (5 kumquat ) Kumquats, mandarini cinesi

muffin al mandarino e mandorle sono una ricetta per realizzare un dolce leggero, buono esano. Per accompagnare una ricca colazione oppure dedicarci 10 minuti di dolcezza, questa ricetta è semplice e si realizza in pochissimo tempo. Gli ingredienti semplici e genuini rendono questa ricetta davvero unica nel suo genere.

PREPARAZIONE

In una ciotola miscelate la farina con mandorle, buccia di limone e cremor tartaro. In un’altra ciotola miscelate succo di clementine, olio, latte di mandorle e il malto. Sbattete il tutto con una forchetta e versatelo nel mix di farina. Mescolate con una spatola per amalgamare il tutto ma senza dilungarsi troppo. Preparate una teglia da muffins con i pirottini di carta, riempiteli con il composto, aiutandovi con un cucchiaio. Affettate i kumquat e disponete 2 fettine sopra ogni muffins. Cuoceteli in forno preriscaldato a 190° per circa 30/35 minuti finchè ben gonfi e leggermente dorati. Fateli raffreddare su una gratella, una volta freddi scaldare un po’ di malto di riso per 10 secondi al microonde e spennellare con questo tutti i muffins per glassare e preservare meglio i kumquats.

Il kumquat

Il kumquat è un agrume, di origini asiatiche; un tempo veniva classificato sotto il genere citrus, nella specie japonica; ulteriori ricerche hanno fatto spostare il kumquat nel genere fortunella; oggigiorno esistono opinioni contrastanti sull’appartenenza o meno del kumquat al genere citrus, quindi comunemente viene trattato come citrus japonica, o come fortunella japonica, a seconda del punto di vista di chi ne parla, altrettanto spesso i kumquat vengono indicati come citrus fortunella, o citrus X fortunella, per indicarne l’origine ibrida. In effetti esistono alcune specie differenti di kumquat, che possono quindi venire considerate come varietà di citrus japonica, o come vere e proprie specie di fortunella o di citrus X fortunella. In generale si tratta di agrumi, appartenenti quindi alla famiglia delle rutacee; i kumquat sono piccoli alberi, che non superano i 3-5 metri di altezza, sempreverdi, con foglie lucide, coriacee, ricoperte da una patina cerosa, decisamente più piccole rispetto a quelle degli altri agrumi. Fioriscono in piena estate, producendo fiori bianchi, molto profumati, all’ascella fogliare; ai fiori seguono piccoli frutti, ovali o tondeggianti, di colore arancio dorato, o giallo intenso. La particolarità dei kumquat sta nella polpa e nella buccia dei frutti nonostante ricordino in tutto e per tutto una arancia in miniatura, questi piccoli agrumi hanno una buccia molto dolce, ed una polpa molto aspra; per questo motivo, si mangiano interi, in modo che lo zucchero contenuto nelle buccia sottile, allevi la sensazione aspra causata dal succo della polpa, agro come quello di un limone o del lime.

Valore energetico Totale (10 porzioni) : 2808.23 Kcal
Valore energetico Per Porzione : 280,82 Kcal
IQD (indice di qualità): 23,78



Stampa/Esporta/Condividi
  
chiudi [x]